Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 38 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




30/10/2020 @ 23:18:58
script eseguito in 78 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 19/02/2009 @ 20:24:28, in articoli, linkato 701 volte)
17 aprile 1893. E' bene riguardare la elezione politica di Torre Annunziata, anzi tutto, da un punto di vista generale. Il Catapano è nativo (San Giuseppe di Ottaiano) e risiede in Napoli - lo Zainy, invece, è nato altrove e risiede in Roma. Lo Zayny fu deputato di quel Collegio durante le legislature XVI e XVII - nel 30 e 31 1892 fa il suo giro elettorale per quel Collegio - e nel 6 novembre raccoglie voti n. 2129 sopra n. 4482. E, per converso, il Catapano, invitato dai suoi concittadini a presentarsi candidato del Collegio ai 29 ottobre 1892, nel 30 rifiuta - accetta, vivamente premurato, nella sera del 2 novembre. Fa il suo giro elettorale appena nel 4; e, nel 6 raccoglie, sui n. 4482, voti n. 2226. Questo risultato, relativamente splendido, ottenuto dal Catapano, che accettò la candidatura, vide e parlò ai suoi concittadini, due giorni appena prima della elezione, quando i più si erano già impegnati per lo Zainy, è dovuto all'immensa fiducia e simpatia, che, per le sue qualità e posizione sociale, egli gode, e più ancora al buon senso degli elettori di quel Collegio, Ed è una posizione di fatto questa, non soltanto affermata dal Catapano, ma venne ritratta al vero da tutta la stampa locale e di Napoli. Basta, all'uopo, leggere i giornali che si pubblicarono in quel tempo prima e dopo dell'elezione - come il Mattino, la Riforma, il Pungolo, il Momento attuale, la Cuccagna, il Frustino ed altri. 2. Il partito, che si trovava già impegnato per lo Zainy prima che il Catapano si fosse risoluto a scendergli competitore nella lotta ricorse a mezzi disperati e perfino illeciti e criminosi per vincere, come si raccoglie da un giornale locale, il Momento attuale. Ma a nulla valsero i suoi sforzi. Quel corpo elettorale volle prescelto al Parlamento un Deputato locale, che nel curare gli interessi della Nazione, conoscesse da vicino e ne curasse altresì gli interessi locali. E fosse un uomo che per le sue qualità, per i suoi precedenti e per la sua posizione fosse una garanzia dei nobili intenti di quel corpo elettorale. 3. E se questo fu e non altro lo stato di cose nell'elezione politica del 6 novembre 1892, chi può dire, e sul serio, che il Deputato voluto da quel corpo elettorale sia lo Zainy e non il Catapano? II. Non lo Zainy, candidato non riuscito, ma soltanto ventitré elettori, di cui quindici della frazione San Giuseppe e otto di Torre Annunziata, impugnano di nullità la elezione. Essi affermano che: I. Nelle tre sezioni elettorali di San Giuseppe di Ottaiano si sostituirono le schede a danno dello Zainy; II. Si ammisero in quelle tre sezioni a votare cittadini non elettori, mentre gli iscritti o erano preti e non votarono per l'expedit del Papa - o detenuti o assenti nelle varie Province del Regno o all'Estero, e non vi poterono votare; III. E, da ultimo, fuvvi nell'elezione ingerenza del Governo a prò del Catapano. E bene discutiamo di questi motivi di proteste di elettori - senza, però, tenere conto delle postume querimonie dello Zainy, che non ne protestò, al pari degli elettori, nelle forme e termini di legge. 5. E' un mendacio che si siano nelle tre sezioni di San Giuseppe sostituite le schede a danno dello Zainy.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 12/02/2009 @ 20:26:37, in articoli, linkato 2300 volte)
E' prerogativa di Cardito, al pari di tutti i casali di Napoli, ogni anno eleggere in pubblico parlamento un cancelliere, deputato a conservare il libro delle delibere e il suggello della Uuniversità. Invece, il 1° settembre 1792, si stravolge la prassi, allorché subentra nella carica di governatore Antonio d’Isanto, foriere dei miliziotti. Quest'ultimo dà i primi segni di discontinuità con il passato, allorché, invece di recarsi dagli amministratori locali per ottenere nelle debite forme il possesso della carica, si reca nel palazzo baronale, ove, avendo mandato a chiamare gli amministratori ed il cancelliere Pasquale Perone, vuole obbligare questi a dargli subito il possesso. Al rifiuto dell'interpellato, che chiede il documento della "venia" accordatagli per l’esercizio della carica , nonché la liberatoria del precedente governo, il d'Isanto monta su tutte le furie ed essendosi appena degnato di esibire la liberatoria, strappa dalle mani del cancelliere Perone il libro delle delibere ed il suggello,. Quindi li consegna a un tale Felice di Guida, dipendente dell’erario baronale, da cui si fa distendere a suo modo l’atto del possesso con la pleggeria di due miserabili, uno dei quali non è cittadino e l’altro è sotto la patria potestà, minacciando, nel contempo, fulmini e saette contro quelli che sostengono le liti contro il possessore di quel feudo. La investitura, lasciata correre dal potere centrale, si protrae per un pò di tempo, finché non entra in ballo la magistratura, nello specifico i giudici della Gran Corte della Vicaria, con gravi accuse di varie falsità. Di qui parte l'ordine di carcerazione, a cui l'imputato si sottrae con la fuga definitiva. Solo a questo punto Cardito può sperare, nell'anno successivo, di eleggere nel modo legittimo il proprio cancelliere.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1