Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 305 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




21/10/2020 @ 03:26:35
script eseguito in 57 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 09/08/2011 @ 23:22:01, in articoli, linkato 6904 volte)
Napoletani. Non più trepidazione, non più diffidenza, la nostra causa è vinta, il nostro trionfo è assicurato, la politica tenebrosa ha squarciato il velo e noi chiaramente vediamo al presente il nostro destino. L’alba del 1863 ci è foriera di quella vita che abbiamo civilmente perduta e di quella libertà che chiaramente ci è stata rinfacciata. Napolitani, tutta la Diplomazia europea ha conosciute le occulte trame di questa setta infernale che ci ha per lo spazio di 28 mesi orrendamente travagliati, tutti i Principi di Europa hanno compreso che in mezzo a questa setta si apparecchiano i revolver e si affilano i pugnali che minacciano loro la vita; tutti gli uomini onesti del Mondo hanno appreso finalmente quale schernevole libertà ci sia venuta da Torino. Il numero di trenta mila fucilati, il cui sangue grida vendetta , le prigioni stivate di più che 100 mila carcerati politici per mancanza di spazio cacciati fin nei sepolcri; le esorbitanti tasse che hanno depauperato il nostro paese, il saccheggio dei nostri tesori e dei nostri monumenti nazionali, tutto si è posto nella bilancia delle giustizia e si è conosciuta l’infamia perpetrata sotto il nome di fratellanza contro questo Regno infelice. Non più trepidanza, non più timori che questo edificio di fango, che appellano unità è pria che compiuto, precipitato. Iddio ha posto la confusione in mezzo a loro; essi sono discordi, sono confusi, sono avviliti. Hanno perduto sin anche l’appoggio di quei pochi tristi che l’acclamarono; poiché i nefandi fatti compiuti hanno disilluso i più ciechi e restii. La Francia è pel Papa, non è più per essi. L’Inghilterra pensa ai suoi interessi. La Russia, la Prussia, la Confederazione Germanica e la Spagna hanno finalmente accolto le nostre querele e ci hanno promesso giustizia. L’Austria accampa coi suoi eserciti nel Quadrilatero e fa impallidire i tronfi bombardatori di Gaeta, gli Eroi del Garigliano. In chi possono essi fidare? Nelle proprie forze forse? Non temete, o Napolitani, che eccetto la frazione Piemontese, l’esercito è tutto nostro; stanco di più servire a questa canaglia atea ed insolente l’Esercito aspetta con ansia il momento di venire alla lotta per rivolgere le armi contro questi beffardi oppressori delle Patrie loro e stendere con affetto la mano a quei valorosi volontari che combattendo sui nostri monti sostengono animosi l’Indipendenza Napoletana ......
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Accogli, o diletto primogenito Figlio del magnanimo, forte ed illuminato Re Guglielmo, i sensi di sincera devozione e di profondissimo ossequio, che si fanno un dovere tributarti quanti sono i figli di Partenope, educati alla morale, alla onestà, alla Religione! Eglino compresi di ammirazione per l’Augusto Genitore, principe venerando in Europa per le preclare virtù di mente e di cuore, onde più splendido e glorioso à reso l’avito Trono di Prussia; principe forte e vero Padre della Patria, che inspirandosi nello eterno diritto à saputo fermare i limiti fra la onesta libertà e l’ordine, sostegno necessario e guarentigia d’ogni società, ond’é salutato dalle simpatie di tutti gli onesti iride di pace fra la tempesta del secolo, arra di lieto avvenire per la sconvolta Europa; eglino sì riconoscenti e fiduciosi si inchinano a te, degno figlio ed Erede di tanto sovrano e il bene arrivato in questa loro diletta Napoli ti presentano! O Principe, deh sia felice il tuo soggiorno fra noi! Questo limpido cielo, queste ridenti colline, il profumo dei fiori e l’azzurro del mare ti allietino! Ah questo solo può Napoli presentarti, perocché, ahi troppo sventurata! È stata travolta dalla piena lutulenta della rivoluzione, derubata delle sue ricchezze, scoronata del serto di Regina, immiserita d’ogni sua prosperità, e da signora di floridissimo reame ridotta vile mancipia dei subalpini proconsoli! Ahi! La nostra passata grandezza e felicità è per noi troppo importuna rimembranza di quel che fummo e più ancora aggrava la presente nostra misera condizione! Perdona, o Augusto, se funestiamo la tua mente parlandoti delle nostre sventure! Il tuo cuore tanto generoso pei miseri ce ne dà dritto! O magnanimo Signore, deh non attristarti alla vista delle nostre calamità, riversate dalle sette infernali in queste, un dì, fiorenti contrade! Ma quando farai ritorno presso l’Immortale Genitore ricordati della nostra desolazione, ricordati di noi!! Gli dirai che Napoli è travolta nel pianto, oppressa da feroce dominazione, avvilita, deserta! Gli dirai che sono ancora fumanti le rovine di ventisette nostre Città, bruciate dal furore piemontese ….
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 05/08/2011 @ 22:14:00, in articoli, linkato 3274 volte)
Salve Principe della Britannica Gioventù! Salve! E sii il bene Arrivato fra noi Napoletani, bersaglio di sciagurata fortuna! Corre ormai il triennio dacché furenti proconsoli, sbucati dalle sabaudi frane, famelici e ingordi, favoriti dai Duci di tradite schiere, da cortigiani d’inique menti, da comprati Consiglieri e da odiate armi e bugiarde bandiere di terrore e di morte, dilaniano la bella Partenope, ne scorrono le infelici province, vi operano stragi, distruzioni e rovine; e fumanti di largo e caldo sangue, ora particolarmente ne inzuppano le terre a capriccio di spietati e crudeli Comandanti e financo di brutali subalterni, che vi uccidono mariti spose e figli, vi rubano comunali patrimoni, incendiano paesi, villaggi, case e campagne, armenti e masserizie e vi distruggono industrie ed arti e quanti sono germi di sussistenza e di vita: Diventati schiavi senza colpe, umiliati noi e traditi, siamo soccombenti sotto leggi barbare e disadattate: sopracaricati d’insopportabili balzelli; insidiati da costumanze perniciose: contaminati da sozzure piemontesi: esclusi da ogni pubblica lucrosa ingerenza: espulsi da sudate carte, e da ben meritati impieghi!! … Che più Serenissimo Principe? Un tesoro pubblico più ricco e fiorente, vuotato tutto intero ed ogni dì vieppiù sterilito: un credito pubblico condannato a sicuro imminente fallimento: Una vicinissima carta moneta già annunziata: un’Amministrazione neghittosa ed infingarda in questa Città ed in questo regno, ove l’oro e l’argento abbondavano e rendevano la prosperità e il benessere al nostro popolo: ora privati noi dell’oro e degli argenti, compriamo miseramente la vita con una monetazione da pezzenti, brutta, adulterata, non valente, odiata, schernita, schifata dal popolo: ed il più tristo, con essa compriamo fra il colpevole indifferente sonno di venduti cospiratori Municipali, a carissimo non mai visto prezzo, una languente esistenza, annichilita vieppiù, ed ogni dì crescente per ogni specie di angarie, di soprusi e di vessazioni di sbrigliati, insuperbiti ed anche armati amministratori, pubblicani e venditori … Che più? Umanissimo Principe? … Privati di una gioventù fiorente, di figli unici, di uomini maritati, strappati tutti a forza, senza sorteggi e senza leggi alle lettere, alle leggi, alle arti, ai bisogni delle famiglie, li vediamo trascinati ogni dì ad accrescere con essi un esercito indisciplinato, ampolloso e lontano, per farne accozzaglie affamate, dormienti senza paglia in nuda nevosa terra, con un sol soldo il dì e per servire, non da militari onorevoli, ma più che gregari conquistati ed incatenati in una guerra a Dio o ad un nemico ignoto. Non v’ha fra noi una famiglia, un uomo che non piangano una ferita, una piaga, una morte: lutto universale, che per molti anni darà privazione e tormenti …….
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1