Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 40 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




30/10/2020 @ 23:22:05
script eseguito in 48 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 19/05/2013 @ 22:26:49, in Articoli , linkato 733 volte)
Non avrei mai creduto di dover partecipare ad un cerimoniale funebre alla memoria di Aldo Giordano. Infatti egli rappresentava una parte sostanziale di me stesso, con cui svolgevo il passato, elaboravo il presente e progettavo il futuro al di là di qualsiasi ostacolo naturale e secondo i canoni di una feconda amicizia. Invece il feretro mi richiama alla dura realtà con l’ineludibile mistero della morte contro il quale invano impazza la ragione. A questo punto, trattenendo a stento le lacrime, attivo le vie del cuore al fine di trovare il senso vero, autentico e caratterizzante la vita di Aldo nelle sue dimensioni più profonde. Del resto lo impone questa partecipazione massiccia di pubblico, accorso per tributargli l’estremo omaggio. Per lui non valgono i versi foscoliani: “sol chi non lascia eredità d’affetti, poca gioia ha dell’urna”, semmai gli altri incentrati sulla “corrispondenza d’amorosi sensi”, grazie alla quale “si vive con l’amico estinto e l’estinto con noi”. Proprio attraverso la fase dialogica si irradia in pieno la personalità di Aldo incentrata nella consapevolezza piena della sua identità umana e nel senso spiccato dell’appartenenza, esperite, all’interno e all’esterno delle pareti domestiche, con le virtù della bontà, della genuinità e della semplicità, in cui Francesco de Sanctis vede la forma esplicita della vera grandezza. Così irrompeva nei pensieri di Aldo il sentimento della famiglia nella sua accezione più vasta e più coesa del termine, partendo dall’immanente, in cui la signora Rita costituiva il refrain costante, lungo il quale scorrevano i nomi dei figli, nipoti e tutti gli altri numerosi componenti. A questo punto egli valicava gli stessi termini temporali, dato che giustamente determinati vincoli affettivi sono eterni. Nelle continue carrellate rievocative non ho mai visto un figlio così affezionato al padre Armando, di cui conosceva a menadito i numerosissimi articoli pubblicati sulle singole riviste. Rimane ferma davanti ai miei occhi la sua gioia sprizzante in alcune circostanze, nelle quali egli riannodava il vincolo con qualche suo antico familiare: la descrizione di alcuni momenti storici sangiuseppesi contenuti qua e là nei miei libri, in cui campeggia la figura di Michele Giordano, suo avo; la pubblicazione del testo su Annibale Giordano da parte di Attilio; l’intitolazione di uno dei due istituti tecnici commerciali locali proprio ad Annibale Giordano. Da queste manifestazioni, speculari di una spiccata sensibilità, abbiamo la caratura effettiva dell’uomo. Con la stessa disponibilità d’animo si proiettava il suo rapporto con la collettività nostrana, che ha perso un pezzo importante. Chi lo ha conosciuto ha potuto ammirarne l’ampiezza culturale e valoriale. Egli aveva innata l’attitudine ad accendere l’immediato colloquio e nelle forme più opportune, da quella più impegnata a quella più quotidiana. La stessa professione diventava occasione per dialogare a tutto tondo con l’interlocutore che non veniva mai considerato cliente, ma persona. Non a caso aveva la parola appropriata per tutti. Persino gli stranieri trovavano in lui un valido punto di riferimento. Spesso, se per caso non lo vedevano in farmacia, lo cercavano dicendo: “Dove sta il dottore?”. Ed il rituale, iniziato con l’attesa e con l’incontro, si concludeva con l’inveramento dei versi manzoniani “Doni con volto amico, con quel tacer pudico che accetto il don ti fa”. Caro Aldo, noi con i cuori gonfi di lacrime, alzando lo sguardo al cielo, ti ringraziamo di averci dato questa testimonianza di vita ispirata a grandi valori. Abbiamo capito ciò che stai dicendo in questo momento: adesso tocca a noi tutti l’obbligo di non fare spegnere la fiamma di siffatto patrimonio.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1