Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 238 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




26/10/2020 @ 16:59:34
script eseguito in 65 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 26/12/2012 @ 13:02:07, in articoli, linkato 808 volte)
Vincenzo Ferrara quondam Fiorillo, Antonio de Anna, Giuseppe Zamparello, Giovanni Domenico de Afeltro, Ottavio Monticello, Lutio Alvino, Matteo Valentino, Andrea Ponticello, Giovanni de Fuccia, Ottavio Cortese, Minico Palmentiero, Paolo Mastronso, Simone Ferrara, Iacobo de Anna de Marco, Filippo Casolaro, Sibio Ferrara, Cesare Russo, Andrea de Luca, Minichello Ferrara, Maurello Fontanella, Gennaro Casolaro, Innocenzo Abate, Andrea Rocchino, Marco Ponticello, Lelio Zamparello, Adezio Mingola, Carlo Russo, Alfonso de Alesio, Iacobo de Andrea, Giulio Marcello de Anna, Giovanni Andrea de Luca, Vincenzo Abate, Ludovico Russo,Tiberio de Loysio, Iacobo Russo, Palmerio Prezioso, Nardello Cortese, Giovanni Abate, Minico Russo, Agostino Rocco, Carluccio Casolaro, Ottavio Casolaro, Paolo Ponticello, Fabrizio de Anna, Antonio de Ligorio, Amperio Russo, Benedetto Pisa, Salvatore Russo, Orazio Russo, Stefano de Rosa, Pirro Loysio Abate, Battista Ferrara, Francesco Ferrara, Marco Antonio Russo, Ottavio Migliore, Pompeo Vergara, Donato de Vita, Giovanni Paolo Russo, Francesco Ponticello, Benedetto Cortese, Romualdo Ponticello, Filippo Abbate, Vincenzo Ferrara quondam Nicola, Giovanni Russo quondam Simone, Ottavio Abate, Pompilio de Alesio, Riccio Russo, Nicola Casolaro, Adetio de Anna, Vincenzo de Angelo, Annibale Casolaro, Adetio Ferrara, Ascanio Russo quondam Maurello, Iacobo Alvino, Giuseppe Fontanella, Fabio Russo, Fonso Russo di Andrea, Adenasio Ferrara quondam Mauro Antonio, Giovanni Andrea Prezioso, Sabatino Mastronso, Fabiano Prevete, Berardo Mastronso, Pascarello Cortese, Pascarello Cortese, Novello Casolaro, Giovanni Mario Russo, Giuseppe Russo, Orlando Casolaro, Mucio Casolaro, Ovidio Ferrara, Giuseppe de Natale, Ascanio Russo, Giovanni Andrea, Simeone e Andrea Fontanella, Antonio Cirillo, Menico Ponticello, Carlo de Vita, Battista Russo, Francesco Idisco, Donato Astone, Giovanni Domenico Fastone, Scipione Sorgente, Giovanni Sorgente, Menico Russo, Scipione Russo, Ottavio Russo, Minico Ottavio Russo quondam Pascarello, Attilio Teverola, Giovanni Iacobo de Luca, Giovanni Antonio Ferrara, Adezio Russo, Giuseppe Cortese, Stefano Cortese, Alfonso Ciaramella, Cesare Ciaramella, Marco Taurella, Maurello Caruso, Geronimo de Ambrosio, Orazio Russo de Ascanio, Francesco de Vita, Pompeo Mingolo, Tommaso de Luca, Donato Valentino, Carlo Abate, Paolo Abate, Scipione Ferrara, Francesco de Luca .......... (Luigi Iroso, Casoria alla luce del Sole, 2012).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 20/12/2012 @ 15:14:24, in Articoli , linkato 816 volte)
......... Poco dopo, in uno scenario viario rinnovato, lo sparo dei fuochi pirotecnici annuncia l’avvento in Casoria del cardinale Giuseppe Spinelli il quale, a monte della visita pastorale, ha ordinato ai parroci di preparargli in anteprima una dettagliata relazione sulla chiesa di propria competenza. Sulla scorta di questi importanti documenti, ci confondiamo nel corteo cardinalizio e ci avviciniamo alla collegiata chiesa di San Mauro, la cui facciata, estesa su uno spazioso terreno, presenta tre porte, la grande al centro e le due piccole lateralmente. A destra si eleva il campanile di piperno, sulla cui sommità svettano tre campane, una di dieci cantare, la seconda di cinque e la terza di due. Il frontespizio si caratterizza per la varietà cromatica che avvolge anche le sottostanti immagini dei Santi Pietro, Paolo, Mauro, Nicolò Pellegrino e Filippo Neri. Naturalmente entriamo attraverso la porta centrale spalancata e sull’uscio con tono deferente compie gli onori di casa il cinquantenne preposito don Paolo Russo, il cui servizio parrocchiale dura da tredici anni. Gli sono vicini i coadiutori don Giacomo d’Arco e don Matteo Costabile. Al primo impatto colpisce l’ariosità degli spazi interni, che si effondono in lunghezza centonovantasette palmi e in altezza ottantaquattro palmi, solcati dalla policromia degli stucchi e degli intagli, la cui linee armoniche, dispiegandosi in direzione opposta per tutto il perimetro murario, confluiscono nel coro di noce con due ordini di sedili, ove, in quello superiore, siedono il preposito curato, il parroco e i canonici. Sovrasta il quadro della Santissima Vergine con San Mauro e altri santi, opera di Domenico Vaccaro. In questo spazio vuoto talora viene spostato l’organo mobile, altre volte allocato nella cappella di Santa Maria di Monserrato. Nella parte immediatamente anteriore, circondata da un’ampia balaustrata di noce traforata con tre gradini ed altrettante porte, troneggia l’altare maggiore nella sua varietà marmorea, impreziosita ulteriormente nella fattura del tabernacolo con l’aggiunta di pietre di lapislazzulo e con la portella di argento con le relative chiavi. All’interno le ostie consacrate si conservano in tre pissidi d’argento. Corrono su entrambi i lati nove cappelle, disposte cinque a destra e quattro a sinistra secondo il corrispondente schema: Santa Maria di Monserrato, San Giuseppe, San Tommaso Apostolo, San Felice in Pincis, San Francesco d’Assisi, San Rocco, Santissimo Rosario, Santa Maria di Loreto e San Lazzaro, Crocifisso e San Mauro: tutte sono dotate di sepoltura riservata ai componenti della famiglia proprietaria della cappella, tranne i bambini morti senza battesimo, sepolti nel giardino della chiesa. La calda parola dei predicatori, soprattutto, quaresimali trova la giusta base di emissione nel pulpito di legno, mentre l’acqua benedetta, rinnovata ogni sabato, è conservata in due grandi fonti marmoree “di broccatello di Spagna”. Tra queste stesse mura si trova la congregazione laicale di Santa Maria della Pietà con la omonima cappella, sul cui altare di marmo spicca il quadro della visitazione di Maria Vergine con la cornice di oro. Il suddetto oratorio, che misura in altezza trenta palmi, in larghezza trenta e in lunghezza cinquantaquattro, è dotato di molti sedili di noce, idonei ad accogliere i 218 confratelli, adusi a riunirsi ogni domenica mattina per recitare le orazioni religiose, per ascoltare il commento del vangelo da parte del padre spirituale don Tommaso Gallucci e per pronunciare gli atti di fede, speranza, carità e contrizione, sigillati dalla recita di alcuni pater e ave per la chiesa, per il sommo pontefice, per il cardinale e per il re. Ogni prima domenica del mese i confratelli, dopo la liturgia rivolta al suffragio dei defunti, si confessano e si comunicano. Nelle cerimonie ufficiali essi indossano i camice, il cingolo e la mozzetta di colore violaceo con le imprese di Santa Maria della Pietà d’argento. La parte amministrativa è nelle mani del superiore e di due assistenti, eletti annualmente dal consesso generale, alla presenza del preposito della Collegiata e del padre spirituale, dopo la festività della visitazione della Madonna. I nuovi responsabili a loro volta nominano “gli ufficiali subalterni”: quattro delegati a visitare i confratelli infermi, cui vanno consegnati in regalo polli e dolce; due a custodire gli abiti, l’argenteria e altro; quattro a raccogliere le elemosine per la celebrazione delle messe per le anime del purgatorio; due ad aprire e chiudere le porte della congrega, mentre si svolge l’assemblea. La rielezione di costoro non può avvenire, se non è trascorso almeno un triennio. Quanti si macchiano di qualsiasi mancanza, puntualmente ripresi dal padre spirituale, devono ripercorrere il tragitto della riammissione deliberato dall’assemblea generale. L’accoglienza comporta l’espiazione della penitenza e l’esercizio della meditazione suggerita dal padre spirituale. Nello stesso locale si riuniscono, nel pomeriggio domenicale, i cento confratelli della congregazione della Dottrina Cristiana, dedicata ai principali misteri della fede cristiana, la Santissima Trinità, l’Incarnazione del Verbo e il Santissimo Sacramento. Vi fanno parte, anche se solo nominalmente e in funzione esclusiva del godimento delle indulgenze, quindici donne. All’interno della cappella della Pietà, familiarmente rievocata con il nome di Cappellone, vi è quella della Santissima Concezione: l’altare, interamente di marmo, tranne la mensa e il paliotto, è sormontato dal quadro del Vaccaro. A questo punto si slarga l’accesso alla sacrestia la quale, costruita a volte, misura ventisei palmi di altezza e trenta di lunghezza. A destra e a sinistra, due mense arroccate al muro custodiscono gli apparati sacri; adempiono analoga funzione i vari stipi in legno disseminati ovunque. Qui sono custoditi i registri dei defunti, dei battezzati e dei matrimoni. Il primo registro dei defunti è andato perduto, il secondo parte dal 4 gennaio 1634. Il primo registro dei battezzati inizia dal 14 maggio 1564, il corrispondente dei matrimoni dal 20 agosto 1566. L’attuale grandezza della chiesa va scritta a merito del parroco don Antonio Abbate, come si legge nell’epigrafe incisa dietro il pilastro dell’altare maggiore. Alla grandiosità strutturale della Collegiata corrisponde la sua estensione territoriale. Essa, registrando 4387 parrocchiani, di cui 2196 uomini e 2191 donne, compresi i cinquantotto sacerdoti secolari e il diacono facente funzione di maestro di scuola, don Giuseppe Parisi, si effonde in un raggio molto vasto e confluisce nelle prominenze dei cinque paesi limitrofi: infatti, verso Cardito funge da limite estremo la masseria dei Miracoli, verso Arzano l’osteria dell’Agnello, verso Afragola la via Longa che si dilunga da Poggioreale fino alla stradetta prospiciente l’osteria di San Pancrazio, verso Casavatore la cosiddetta Cupa. Attraverso questo lungo tragitto, che delimita l’ottina o parrocchia della Collegiata, procede la solenne processione con la statua di San Mauro in occasione della festività del Santo Patrono, il 15 gennaio, e, soprattutto, nella seconda domenica di luglio, in cui si celebra la traslazione delle ossa del Santo a Casoria: apre il corteo il lungo stuolo dei canonici, dei sacerdoti e dei confratelli della Congregazione della Pietà, le cui preghiere, recitate o cantate, rinforzate dal sonoro seguito del popolo festante, ne rimandano l’eco per tutta la cittadinanza .............. (Estratto dal libro: Luigi Iroso, Casoria alla luce del sole, 2012).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1