Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 55 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




28/10/2020 @ 18:54:06
script eseguito in 60 ms



\\ Home Page : Storico : IROSO LUIGI (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 11/07/2014 @ 19:21:56, in IROSO LUIGI, linkato 609 volte)
La tassa sul macinato del grano e dei cereali, promulgata dal governo il 7 luglio 1868 e destinata ad entrare in vigore l’anno successivo per consentire il pareggio di bilancio, apre ferite profonde nel cuore dell’Emilia, ove si coagula il centro più intransigente dell’opposizione di base ad un indirizzo centrale daziario, scaricato sulla pelle dei più deboli. In questo coro contestatario si distingue fin dalle prime battute la popolazione di Campegine che, sostenuta da qualche affittuario e mezzadro, manifesta il suo malessere con parole più o meno vivaci, pronunciate il 26 dicembre 1868. Nell’occasione il sindaco Domenico Sidoli riunisce in modo amichevole i campeginesi più influenti e li persuade ad attenersi ai mezzi legali, “lasciando le dimostrazioni tumultuarie”. In verità sbaglia di grosso chi reputa che la manifestazione si concluda in giornata definitivamente; al contrario vi si leggono chiari segni che lasciano presagire la ripresa della questione in maniera forte nei giorni successivi. Infatti, l’atmosfera diventa sempre più incandescente nel tempo e, il 31 dicembre, il sindaco, preoccupato per l’incolumità fisica dell’incaricato comunale alla riscossione della suddetta tassa nel mulino Gherardini, ottiene, dietro richiesta urgente, dalle autorità superiori l’invio in loco di un drappello di granatieri del distaccamento di Castelnuovo di Sotto. Le previsioni della vigilia si inverano puntualmente il 1° gennaio 1869 fin dalle ore sette, allorché Luigi Castagnetti diventa promotore di un atteggiamento provocatorio e irriguardoso nei confronti dei carabinieri i quali, temendo la reazione minacciosa dei presenti, ne evitano l’arresto. Ciò determina nell’arco di due ore la massiccia ed aspra partecipazione popolare nei confronti dell’addetto alla riscossione e dei granatieri, costretti dal lancio di pietre e di improperi, il primo, a darsi alla fuga precipitosa e gli altri a rifugiarsi nel palazzo comunale. Proprio qui giungono in qualità di ambasciatori dei tumultuanti Luigi Calossi e Paolo Tagliavini. Essi, giunti al cospetto del segretario comunale, gli indicano senza mezzi termini la via maestra per riportare la calma generale: mandare via il drappello dei soldati. L’interpellato rimanda il prosieguo dell’incontro all’imminente arrivo del capo dell’amministrazione, cui spetta l’emanazione di tale ordine. Poco dopo Luigi Calossi da solo riprende il filo dialogico con il nuovo interlocutore il quale, durante il tragitto, ha dovuto subire la pioggia incalzante di schiamazzi, di fischi e di insulti dei manifestanti. Le condizioni della trattativa rimangono quelle già designate, contro cui si infrangono le esortazioni della controparte inclini alla moderazione e prendono corpo le minacce di dare libero adito alla violenza. Del resto, al termine del colloquio, il palazzo comunale continua ad essere il bersaglio di imprecazioni, di schiamazzi, di sassate e di concreti conati di sfondare le porte. Il capo dell’amministrazione comunale, avendo indossato il tricolore, si affaccia dal balcone con l’intento di convincere la folla a sciogliere il corteo. Deve rientrare immediatamente sotto l’urto delle sassate e delle preoccupanti urla “Morte al sindaco!” e “Abbasso la legge”. La pericolosa situazione lo spinge a far trasportare in tutta fretta nei solai del palazzo i 179 fucili della Guardia nazionale per nasconderli sotto travi e fascine, onde sottrarli alla furia omicida della folla in caso di sfondamento. A questo punto i carabinieri di Castelnuovo di Sotto, in vista di disordini, si sono allontanati per rinsaldare la loro forza e tornano, verso le ore undici e tre quarti, con dieci o dodici granatieri in più. Tale vista esacerba i rivoltosi i quali, accorsi al mulino, a casa Benaglia, alla Casa grande, si armano di pali, badili, vanghe; quindi ritornano a manifestare davanti al palazzo comunale. Il nuovo picchetto, trovatosi alla mercé delle sassate e dei colpi di bastone della folla, compie “due scariche al vento”. Dopo aver visto l’inutilità di siffatta strategia, affida la risoluzione estrema della difficoltà al fuoco delle armi. Segue lo scioglimento della manifestazione, mentre rimangono sul terreno sei morti e parecchi feriti. All’interno del palazzo municipale si tocca con mano la delicatezza del momento, visibile nella constatazione che i rivoltosi, raggruppati “nei trivi delle chiaviche del canale e nelle vicinanze della chiesa parrocchiale”, ritorneranno all’attacco con tutto il potenziale numerico, ascrivibile a più di settecento persone. A fronte di ciò, il sindaco, volendo evitare un ulteriore scontro, foriero di altro spargimento di sangue, decide che i granatieri ritornino a Castelnuovo di Sotto. Quindi egli, opportunamente scortato, si reca di persona in prefettura a Reggio per riferire sulla dinamica degli avvenimenti e chiedere le opportune garanzie per l’ordine pubblico. Immediatamente nella stessa nottata scatta la repressione: un ispettore di Pubblica sicurezza ed un capitano dei carabinieri con uno squadrone di lancieri procedono all’arresto di ventinove campeginesi. In tal modo la linea governativa, fondata sulla cosiddetta tassa sulla fame, strozza la volontà locale con indicibile violenza. Ne sono imperitura e viva testimonianza i seguenti otto martiri che non hanno esitato a sacrificare la loro vita a favore della libertà: Manghi Vittorio, Gabbi Basilio, Davoli Pio, Tagliavini Antonio, Cabassi Luigi, Iemmi Giuseppe, Simonazzi Andrea e Codaluppi Giovanni. Noi non solo plaudiamo all’iniziativa locale di intestare a costoro la piazza principale di Campegine a perenne memoria, ma ne condividiamo l’intima comunione ideale che ha sorretto analoghe battaglie, combattute per la stessa causa qua e là sul suolo nazionale in diversi frangenti temporali. Pertanto diventa pressante l'idea di fondo, incisa nell’immaginario collettivo e non sventolata con il dovuto vigore: la storia di tale scia di sangue, che scorre dal nord al sud, va ritrascritta con urgenza e con chiarezza in tutte le sue angolature, al fine di recuperare il vero tributo pagato dai nostri avi alla causa unitaria dell’Italia. Tale filo valoriale costituisce l’unico collante per rinforzare in modo inestricabile l’inossidabile vincolo familiare dell’intera penisola.
 
Pagine: 1