Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 192 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




25/10/2020 @ 06:08:39
script eseguito in 46 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 27/09/2011 @ 18:24:16, in articoli, linkato 569 volte)
Il 6 settembre 1615, il vescovo di Nola in persona, mons. Giovanni Battista Lancillotti, esegue la visita pastorale nella chiesa parrocchiale di Valle (antico nome di Pompei n. d. r..), dedicata al Santissimo Salvatore. Lo accoglie in pompa magna don Domenico Bottone che ricorda, innanzi tutto, il suo impegno di celebrare la messa tre volte la settimana, il mercoledì, il venerdì e il sabato. I parrocchiani sono sessanta, di cui venticinque possono avvicinarsi alla confessioone e alla comunione, come hanno fatto tutti nell'ultima festività di precetto.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 22/09/2011 @ 20:23:43, in articoli , linkato 622 volte)
La chiesa parrocchiale di Torre Annunziata, intitolata alla Santissima Annunziata, viene affidata ai monaci dell'ordine dei Celestini da Nicola di Alagno, feudatario di Rocca Rainola e di Torre Annunziata, secondo le linee del rogito stilato, il 29 novembre 1498, dal notaio Geronimo de Tossis. Infatti, l'ordine monastico si impegna a curare spiritualmente le anime torresi, ad esprimere due sacerdoti ed un chierico, addetti alla celebrazione delle messe e dei doveri religiosi, a somministrare i sacramenti ai fedeli, a donare al vescovo di Nola un "castrato" con le corna d'oro, simbolo dell'obbedienza, in occasione della festività di San Marco Evangelista. Tra le pareti ecclesiastiche insiste la confraternita laicale del Santissimo Sacramento, fondata il 27 novembre 1543. Secondo le norme statutarie, i confratelli, rapppresentati da due maestri,si impegnano a rispettare i seguenti doveri: mantenere accesa la lampada davanti al tabernacolo; accompagnare il Santissimo Sacramento a casa degli infermi; somministrare la cera; organizzare la processione a loro spese ogni terza domenica del mese; far celebrare una messa cantata. Ne ribadisce tutti gli impegni padre Francesco di Taranto, priore del monastero della suddetta chiesa, sabato 5 dicembre 1615, durante la visita pastorale del vescovo di Nola, mons. Giovanni Battista Lancillotti. L'occasione è opportuna per comunicare il numero dei parrocchiani, fermo a seicento, di cui ducentosessanta idonei a ricevere la confessione e la comunione, come hanno fatto nell'ultima festività di precetto. Invece, i soci della confraternita del Santissimo Sacramento sono novanta, i cui maestri durano in carica da tre anni. A fronte di questa affermazione, cconfliggente con il regolamento vigente, viene ingiunto al priore, sotto pena di scomunica, di indire entro l'ottava del Santissimo Corpo di Cristo l'assemblea generale di confratelli, deputata ad eleggere i nuovi amministratori, ai quali va reso il rendiconto amministrativo da parte di quelli attualmente in carica. Quindi l'attenzione dei visitatori volge sull'altare del Santissimo Rosario, che appartiene all'omonima confraternita, i cui maestri sono Battista Pagano e Nunziato Santillo. Proprio questi ultimi, presentando le bolle della sua fondazione, risalente al 7 marzo 1593, comunicano che i soci sono quaranta. Infine, essi affermano che la confraternità non ha alcuna rendita, ma vive di elemosine giornaliere.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 16/09/2011 @ 22:25:27, in Articoli , linkato 10721 volte)
Lunedì (16 maggio 1862) vedevasi spettacolo miserando ed atroce – meglio che 50 cittadini, ammanettati, pervenire ordinati in lunga catena, da Salerno; e condotti, come ad insulto della legge, nella Questura di Napoli, ed ivi così legati, rimanere nel cortile senz’avere dove posare, dove sedere; per poi passare la notte in carcere. Fra essi vedevi uomini di ogni età, di ogni condizione, godere la eguaglianza dei ferri nei polsi, ed affratellati così a due a due! Compiva questo quadro desolante una quantità di donne di ogni età, giovinette sedicenni, delle pregnanti, e di quelle con bimbi al seno e le culle per bagaglio! Tutti erano dal Prefetto Bardessono mandati a domicilio coatto, per la famosa legge Pica, della quale si è usato ed abusato ad esuberanza. Se fra quella gente vi fossero dei veri manutengoli, ignoriamo; ma che di certo le femmine ed i bimbi fossero così trattati, è un oltraggio alla giustizia, all’umanità – e mostra l’incapacità di quel Prefetto, che avendo un esercito quasi nella sua provincia, non sa snidare i briganti e teme delle donne! Fra quei cittadini legati ed ammanettati faceva meraviglia il riconoscere il Sindaco e ad un tempo Giudice Supplente Rascio, il sig. Scipione Ronsini noti liberali e benemeriti della patria; e se il sig. Bardessono ha in questi altri ammanettati, puniti uomini, come il sig. Rascio e Ronsini, è da credere che gli sia entrato nella mente il pensiero di emulare e sorpassare i fasti della polizia borbonica. Perché si abbino il pubblico ed il ministero notizia del vero, diremo del sig. Ronsini i particolari, riserbandoci dire quelli di esso Rascio. Per ora diremo sul conto di esso Rascio che la giunta municipale del suo paese certifica non solo di aver contribuito all’attuale ordine di cose, ma di essere stato attendibile politico sotto il passato governo. Scipione Ronsini, fin dal 1847 era per fede politico unitario. Nel 1848 si pose alla testa di una colonna insurrezionale col comitato del Vallo per rivendicare la libertà del paese contro la mala signoria. Ebbe indi 12 anni della sua efferata persecuzione borbonica. Nel 1860 a sue spese formò una colonna di 95 uomini ed aggiunse a quella 24 volontari ed andò ad ingrossare le file sotto Capua contro l’esercito borbonico. Nel recarsi a raggiungere la sua colonna fu derubato di quanto aveva per essere stato assalito dai ladri al luogo detto Tomba del Capitano; ed è storico e noto a tutti i Vallesi! Nello steso anno riusciva a sventare nel Caffè d’Italia una cospirazione infernale contro il re Vittorio Emmanuele, ordita in via Foria: fatto che gli stessi moderati non ignorano. Egli curò la presentazione di un numero considerevole di sbandati del Comune di Rofrano. Discopriva e sventava una reazione organata, dandone notizia al delegato sig. Guarracino: erano oltre 60 i congiurati e ne furono molti arrestati …………. Non ha guari il sig. Bardessono recavasi in un paese, (se non andiamo errati Acerno) e volendo fare ivi molti arresti e non potendolo, senza il parere della Commissione se non poteva avere tale parere, perché non sapeva egli stesso chi dovesse arrestare, e perché) disse alla Commissione: datemi il voto di fiducia; e docili e docili i componenti della Commissione s’inchinarono e dettero il voto di fiducia! Ritornava il Bardessono da colà, seguito da gente di ogni età e di ogni sesso, ammanettati e legati: e arrivato al suo palazzo in Salerno, discese e fece in aria di fatuo trionfo, passare innanzi a sé quei mal capitati: Da questo stato di cose, l’incognita del nostro problema, interno, spaventa ogni animo onesto e liberale.Dio salvi il paese ….
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 13/09/2011 @ 22:20:17, in ARTICOLI, linkato 684 volte)
L’Italia ha il primato degli omicidi, diceva un mese fa il Ministero in una sua statistica, e il Times allora si rise di Vincenzo Gioberti e dell’antico primato morale e civile degli Italiani. Ma i primi a rendersi rei di omicidio sono i deputati del regno, sono i nostri legislatori! In brevissimo tratto di tempo due onorevoli vennero accusati d’omicidio: il deputato di Teggiano, Matina Giovanni, e il deputato di Militello, Maiorana – Cuccuzzella Salvatore. E tanto l’uno quanto l’altro sono deputati antichi, che già presero parte a tre legislature, l’ottava, la nona e la decima. Che se noi volessimo giudicare dei deputati come essi dei preti, trovandone tra quattrocentodue omicidi, ognuno pensi che cosa potremmo darne! Ma il peggio è l’impunità che sembra volersi accordare a questi omicidi onorevolissimi. Il deputato Maiorana – Cuccuzzella fu bensì arrestato, non essendo aperta la Camera, ma oggi che ripigliò i suoi lavori, incominciano le formalità e le discussioni se l’omicida sia stato o no legalmente arrestato! Il procuratore generale di Catania indirizzò al guardasigilli la seguente domanda che egli trasmetteva ai deputati nella tornata del 23 novembre. Il 26 novembre i deputati, riuniti in Comitato provato, invece di accordare subito ogni licenza, nominarono una commissione che domanderà gli atti del processo, li esaminerà e deciderà il da farsi. Come? Un povero giovane, Francesco Lacanà, è stato trucidato; i più gravi indizi pesano su di un deputato, e voi esitate, o onorevoli, a permettere il processo? Ma non dovreste essere i primi a provocarlo? Non ne va di mezzo l’onor vostro ed il bene di tutti? Il deputato Matina, che a forza di lungaggini si lasciò fuggire, non vi è bastante rimprovero? E poi direte che son gli antichi Governi la ragione di tanti omicidi che si commettono in Italia! Passi l’impunità accordata ai deputati che uccisero i loro avversari in duello; passino gli indugi del processo Lobbia, che, secondo il tribunale non arrecò male che a se stesso democraticamente assassinandosi; ma il fatto di Militello è così orribile, così scandaloso che richiede un pronto e solenne processo, e noi lo pretendiamo in nome della morale e della giustizia (Unità cattolica, 28 novembre 1869).
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 08/09/2011 @ 17:06:09, in articoli , linkato 599 volte)
Nei tempi ordinari, quando una calma profonda tutela l’ordine pubblico, quando una scellerata fazione non scendesse a combatterci, noi approveremmo pienamente i clamorosi ruggiti della pubblica opinione, che stigmatizza i deputati infedeli al loro mandato, gli stolidi, i poco patriottici che preferirono il ministero al paese, i propri interessi alle pubbliche sventure, ma nei tempi attuali, quando tutte le forze borboniche convengono verso un solo scopo, quando noi siamo sul punto di scendere sulla piazza per difendere la libertà e l’indipendenza, in questo caso le dimostrazioni sono oltremodo pericolose. Noi d’altronde racconteremo i fatti del 1° agosto e poi francamente daremo il nostro giudizio. Il popolo a ragione sdegnato contro sciame di deputati infedeli al loro mandato avvisava di dare un segno della propria disapprovazione a quanti fra essi fossero giunti tra noi ed in fatti dopo aver ricevuto con suoni assordanti i primi arrivati, il popolo recossi la sera del primo agosto a rendere una visita clamorosa presso le case dei signori Vacca Senatore e dei deputati Pisanelli, Leopardi e Minervini: e qui ci fermiamo per domandare in qual modo si associasse il nome di Minervini a quelli di Vacca, dei Leopardi e dei Pisanelli? Vacca faceva parte della consorteria, Pisanelli e Leopardi n’erano i principali manubri, ma l’avvocato Minervini perché fu confuso coi dottrinari. Minervini votò con l’opposizione, ebbe più volte troncata la parola a Torino dall’impertinenza della maggioranza: ed a Napoli ha dovuto anch’esso subire la dura lezione inflitta ai Leopardi ed ai Pisanelli? Ma raccontiamo. Una folla di cittadini dunque rendeva in prima sera una chiassosa visita al Senatore, ed ai deputati ciascuno portava strumenti di cucina ed all’armonia discordante degli improvvisati senatori si univano i fischi e gli urli dei monelli: il baccano era veramente infernale: ma questa volta il popolo con molto buon senso aveva espresso il proprio giudizio sul Senatore Vacca e sul Leopardi. Un cartellone a stampa diceva: Vacca è MASSARI DEL SENATO !!! Leopardi (leggevasi in altro foglio) alle invocate provvidenze contro la reazione rispose: E’ IL RONZIO DEGLI INSETTI. Ed il popolo lo dichiara un braccio della consorteria. I deputati Pisanelli, Leopardi ed il Senatore Vacca ebbero la lezione che si meritarono coi loro voti servilissimi e con l’aver conosciuto i bisogni del paese e prodigando encomi al sig. Minghetti, ministro dell’interno, che ha condotto il paese verso la propria ruina .... I nostri deputati della maggioranza si mostrarono indegni del mandato ricevuto, nemici affatto della contrada ove sono nati, il disprezzo pubblico gl’incalzi, siano fuggiti come gli infetti della pestilenza, gli elettori si riuniscano e gl’infliggano l’onta di rivocare il mandato, la quale determinazione se non produrrà effetti legali per certi uomini dalla fronte di bronzo, mostrerà all’Europa essere gli italiani del mezzogiorno più che adulti nella vita parlamentare ed infliggerà sui pessimi deputati le stigmate della riprovazione pubblica, molto più terribile d’una fugace dimostrazione. Uniti, vigilanti, salviamo il paese, torniamo allo stato normale, e allora potremo divertirci con le campane fesse, con le padelle, le cazzeruole, ma oggi silenzio ed ordine, diamo tutta la libertà d’azione alla polizia, perché possa seguire le sole trame dei nostri nemici, per sventarle e liberarci una volta per sempre da questi incorreggibili adoratori del passato i quali ci credettero già vinti dal vederci assonnati e neghittosi (Dal giornale "La democrazia").
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1