Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 156 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




25/10/2020 @ 05:24:14
script eseguito in 67 ms



\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 05/10/2012 @ 19:32:20, in Articoli , linkato 624 volte)
Se si fosse fatto un coscienzioso scrutinio nel ramo giudiziario non si sarebbe avverato, in danno della giustizia, il serio malanno di far rimanere al potere di cariche eminenti soggetti esecrati per fatti immorali e pravità politiche senza meriti e di brutte caste. Tra costoro occupa il primo posto il famosissimo satellite del dispotismo Gennaro Sauchelli, attualmente presidente della Gran Corte di Benevento, gesuita d’indole e per educazione dotato della natura dal funesto dono di malvagità non comune. Egli sortiva i suoi natali da una illecita tresca in cui viveva sua madre, domestica nella casa Morra. E come spia del ministero Delcarretto, e per i rapporti del padre naturale entrò nella carica di giudice del circondario di terza classe. Avvezzo quale delatore agli arbitri, abusò sempre del potere e confuse l’amministrazione della giustizia con i capricci delle sue sbrigliate passioni, per soddisfare le quali calpestando ogni diritto divino ed umano si disfece del proprio coniuge propinandole potente veleno. Col suo saputo bigottismo e farisaico modo ha sempre avuto l’arte di sapersi mascherare e smaltirsi con i colori dei tempi …….. Ma però si tradiva in Catanzaro quando qual Giudice di quella Gran Corte Criminale fu il Commissario delle cause politiche appalesandosi il magistrato più efferato nelel condanne per reati di simil natura. Si rammenta con orrore la causa giudicata da quella Gran Corte per rinvio contro un tale Ameriduri di Gioiosa imputato principale di tenere in propria casa riunione settaria. Il Sauchelli commissario diede il suo voto di non costa per Ameriduri perché ricchissimo ….. mentre per i gregari votò pel costa colla pena di 25 anni di ferri, perché poveri …… Sapienti pauca!!! Fu pure in Catanzaro commissario di quegli infelici contadini che si recarono nel Campo ove avvenne il conflitto coi Regii, e quantunque assodato si fosse che erano andati per elemosinare, pure votò pel costa con trenta anni di ferro. Questi tratti di ingiustizia e di empietà gli valsero di merito, per lo che acese al posto di Procuratore generale. Trapiantato in Potenza colle sue scaltrite arti commise cose orribili e da non credersi nelle lacrimevole occasioni del flagello del terremoto. Basta riscontrare i rapporti che a quell’epoca a suo prò faceva l’aborrito Intendente Ajossa soggetto dello stesso suo calibro. Non appena giungeva in Avellino, ove da Potenza venne traslocato, si unì a filo doppio colla celeberrima spia e lenone dell’Ajossa, il tristissimo giudice Cav. Ferdinando Giannuzzi e facendo con costui causa comune, ebbe la sfacciataggine definirlo appo il Governo pel primo giudice della Provincia, raccomandandolo con peculiari rapporti al ministero per magistrato Collegiale. Per brevità si tralasciano altri orrori fatti e si rammenta solo quello avvenuto in Avellino verso il 22 giugno decorso anno 1860 contro l’impiegato di quella procura civile sig. Matteo Stisi ………………. Ed intanto questo mostruoso germoglio dei figli di Adamo, rovina e desolazione di tante famiglie per aver condannato tanti liberai alla morte e ai ferri si fa non solo rimanere ancora sui seggi della Gran Corte Criminale, ma per meglio incoraggiarlo nel malaffare se gli affidano delicati incarichi come quello di Commissario ripartitore della Capitanata. Misera provincia! Sarai da lui spogliata ed oppressa. E già te ne ha dato l’esempio col aver fatto nominare per suo assessore Vitagliano di Benevento di lui fido lenone e tristo come lui. Domenadio è stanco delle nequizie di questo uomo e si spera che il Governo provegga contro di lui.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Admin (del 02/10/2012 @ 20:07:54, in Articoli, linkato 610 volte)
Disgraziatamente per la nostra patria gli uomini del potere o non sanno o non vogliono rimediare ai mali che vanno man mano ingigantendosi, non trovando nulla che li combatte. Il Borbone quindi ed i Borbonici, acquistando sempre più coraggio, fanno i fatti loro palesemente, e noi? E noi facciamo chiacchiere e sempre chiacchiere. La reazione s’ingrossa nelle provincie, forma i suoi reggimenti, dà battaglia, mette a sacco e distrugge, e non si pensa a reprimerla energicamente. Vuolcisi dare ad intendere che sono bande di briganti mentre sono quasi tutti soldati borbonici feroci ed istruiti nel maneggio delle armi comandati dai loro ufficiali istruiti quanto ogni altro nell’arte della guerra. Se prontamente non si accorra e si distrugga fino all’ultimo reazionario, se non si faccia giustizia e si ponga in opera tutto ciò che può far conta la popolazione (Iddio nol voglia), quando men l’aspettiamo vedremo invasa la nostra bella Napoli e rinnovate le sanguinose scene del giugno 1799!!!! Signore di San Martino nelle vostre mani raccomandiamo la nostra tranquillità, il nostro avvenire! Leggiamo dalla Democrazia: La nostra Città vede sui colli di Castellammare e di Portici sventolare l’aborrita bandiera borbonica, cosa concepibile, oltre ogni dire insultante il governo e il popolo, che dovrebbe scuotere entrambi ad agire con più energia. Sì, i reazionari evasi dai Granili si aggirano su quei luoghi e minacciano strage e morte ai coloni. Intanto che si fa per snidarli? Un giorno o l’altro essi si presenteranno tra noi e si lasceranno passare. Ecco il felice stato delle nostre provincie. Intanto la solerzia del commendatore e segretario generale dei due dicasteri dell’Interno e Polizia, il sig. Silvio Spaventa, starsene inerte al cospetto di cosa cui reprimere e di sacro dovere, di cui la pubblica opinione mai non desiste di domandargliene conto. Avant’ieri molte pinzochere si misero a gridare al miracolo, al miracolo. A quella voce accorsero molta gente, e siffattamente accrebbesi il concorso che avvisatane la Piazza fu spedito sul luogo il colonnello Sarmento acciò riferisse sul fatto, e già quelle stupide, per non dire tristi e meretrici, avevano acceso candele e si erano prostrate innanzi un’immagine nella cappelletta sita alle spalle della Vicaria, e precisamente al punto ove si noleggiano le vetture per Aversa. Là presso, sul ponte di Casanova, erano circa cento Militi Nazionali che si esercitavano nelle armi. A quell’annunzio si portarono sul luogo e dispersero quell’ammutinamento. Questi erano condotti dagli ufficiali dell’8 battaglione, signori Michele Camerlingo e Gaetano Manzanillo, nonché dall’ex Luogotenente dei Garibaldini Luigi Gargiulo. Se quel tumulto non fosse stato testé sedato, niuno a cosa avrebbe condotto, ci siano d’esperienza gli ultimi fatti di Caserta, e veggano i nostri governanti di quali armi usano i nostri nemici onde gettare il paese nell’anarchia e nel subbuglio, e giudichiamo se noi abbiamo sì o no ragione di gridare tutto giorno: calpestate, togliete dalla faccia della terra questi aspidi velenosi, e pensino infine a prendere tali provvedimenti che tali fatti possano impedire. Ove ciò avvengasi, noi avremo il diritto e la forza di dire la colpa è vostra, voi pagate il fio . M. P.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1