Home Articoli Forum Galleria Altro Altro Contatti
Cerca per parola chiave
 

Ci sono 60 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
articoli (196)
articolo (2)
Blog (1)
IROSO LUIGI (1)
Libri (3)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Attendo con ansia gl...
06/01/2012 @ 16:25:43
Di Anonimo
Che bella proiezione...
04/01/2012 @ 15:36:00
Di Anonimo
Che bello! Avere le ...
28/12/2011 @ 19:11:31
Di Anonimo

Titolo
Presentazioni (4)

Le fotografie più cliccate

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 Bleah!

Titolo
Listening
Musica...

Reading
Libri...

Watching
Film...


Titolo




28/10/2020 @ 19:08:21
script eseguito in 67 ms



Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Gli studenti del R. Liceo Ginnasio "A. Diaz" hanno dato il 26 giugno uno spettacolo "Pro Patrioti". Ecco il resoconto inviatoci dal corrispondente locale: "Benché non molto brillante, questa commedia di Boccabella)è fuggita una ragazza) ha suscitato molto entusiasmo nei giovanissimi spettatori. Quanto alla recitazione, essa non poteva essere perfetta, data l'età degli attori (più che l'età la cattiva recitazione è dovuta alla mancanza di prove e di direzione: n. d. r.), tuttavia piace porre in rilievo la disinvoltura di Veneroso e qualche buono spunto di Ragosta e di Sara Alba. Negli altri solo buona volontà (era quella che doveva essere sfruttata: n. d. r.). Il varietà organizzato alla fine dello spettacolo è forse piaciuto di più. Si sono distinti specie il Marra, già cantante di Radio Napoli, il tenore Martini Alberto (Marcello Vece), giovane speranza del nostro teatro lirico e l'emozionatissima signorina Capasso. Anche qui è piaciuto il brillante Veneroso nelle vesti di comico. Non impeccabile la regia di Zotti (è venuto meno in pieno alle più elementari cognizioni di azione). Con ciò, però, non vogliamo menomare l'opera svolta dal collega Zotti, la buona intenzione fa sì che passiamo su tutto il resto: speriamo meglio al prossimo anno. Buona la presentazione del collega Pepe. Avviso al pubblico: un'altra volta non fiori ma …. opere di bene.
 
Di Admin (del 13/05/2020 @ 11:43:58, in articoli , linkato 40 volte)
Il sottoscritto, incaricato della distruzione del brigantaggio, promette una mancia di franchi 100 per ogni brigante vivo o morto, che si presenterà. Tale mancia sarà pure data a quel brigante che ucciderà un compagno, oltre di avere salva la vita. Diffida che sarà immediatamente fucilato chi dia ricovero o mezzo qualunque di sussistenza o di difesa ai briganti e vedendoli o sapendone il luogo, dove si sono rifugiati, non ne dia avviso sollecito alla forza ed alle autorità civili e militari. Tutte le pagliaie debbono essere abbruciate;le torri e le case di campagna, che sono abitate e custodite da forza, debbono essere fra tre giorni scoperte e le aperture venire murate. Scaduto tale termine, saranno bruciate, come saranno uccisi gli animali senza la necessaria custodia di forza pubblica. Resta proibito portare pane e viveri di qualunque fuori l'abitato comune e sarà tenuto come complice dei briganti il contravventore. L'esercizio della caccia è proibito. La guardia nazionale è responsabile nel territorio del proprio comune. Il sottoscritto non intende vedere in questa circostanza che briganti e controbriganti. Perciò tra i primi terrà chi voglia restare indifferente e contro questi prenderà misure energiche. I soldati sbandati, che non si presenteranno tra quattro giorni saranno considerati briganti. Celico (Calabria) 1° marzo 1862.
 
Di Admin (del 20/04/2020 @ 10:16:25, in Articoli , linkato 57 volte)
6 febbraio 1865. Signori Consiglieri, il franco linguaggio che io andrò a tenere in questa mia breve esposizione, se fosse stato tenuto prima che la Città nostra avesse dato tante splendide prove di abnegazione vero l’Italia, avrebbe forse potuto essere interpretato come dettato da spirito municipale; ma dopo il generoso contegno dell’intiera popolazione negli ultimi rincontri e le prove incontrastabili dei suoi sentimenti unitari e nazionali, i suoi rappresentanti senza tema di essere redarguiti di municipalismo hanno il diritto di alzare la voce per far sì che le venga impartita quella giustizia, che sinora io non so se per opera degli uomini o del fato non ha potuto ottenere. L’unificazione delle leggi finanziarie in Italia, prima che le condizioni economiche delle varie Province venissero uguagliate, produsse tale spostamento di interessi materiali nella più parte delle Province meridionali e particolarmente in Napoli, che il solo amore dell’unità nazionale ha potuto far tollerare. Una delle più grandi sventure di questa città è stato il completo isolamento nel quale finora si è cercata ridurla e tenerla. Una città di 500.000 abitanti, che era centro di movimento amministrativo ed economico di nove milioni di popolo; che sperava nel novello ordine di cose di vedersi largamente ricambiati quei vantaggi con comunicazioni ferroviarie col testo di Italia, con grandi stabilimenti meccanici, col porto e collo sviluppo delle industrie e del commercio, si vede per cinque anni trascurata nei suoi più vitali interesse economici.
 
Di Admin (del 20/04/2020 @ 09:08:21, in ARTICOLI , linkato 46 volte)
Strada Posilipo: Da Mergellina per la gola di Coroglio al trivio dei Bagnoli. Lunga metri 8497, larga 14 metri e 30 centimetri. Essa è sistemata ed inghiaiata, è data in appalto per il mantenimento. Occorrono dei lavori di perfezionamento. Recentemente si sono perfezionate anche la rampe del Coroglio. Strada della Polveriera: Dal largo Migaglia sulla strada di Posillipo alla banchina della del Capo. Lunga 918 metri, larga 6 metri e 98 centimetri. E’ sistemata, inghiaiata, è data in appalto di mantenimento. Strada di Marechiaro: Dal Ponte di Thalberg sulla strada di Posilipo al villaggio di Marechiaro. Lunga 910 metri, larga 2 metri e 44 centimetri. E’ un sentiero naturale per il quale hanno scolo le piovane. E transitabile solo ai pedoni. Strada del Fosso: Dal 2° Ponte del Demanio sulla strada di Posilipo al villaggio S. Strato. Lunga 384 metri, larga 3 metri e 68 centimetri. E costruita in terra. Vi esistevano due rampe con scalini, distrutte interamente dall’alluvione del 3 luglio 1868. Vi è un progetto approvato per la rettifica del primo tronco. Strada del Canalone: Dalla strada di Posilipo alla piazza San Paolo in Villanova. Lunga 516 metri e 25 centimetri; larga 2 metri e 25 centimetri. La prima porzione di questa strada di lunghezza 200 metri è a scalini, di basoli vesuviani, la seconda di lunghezza 116 metri è selciata, il rimanente in terra.
 
Di Admin (del 22/02/2020 @ 16:50:21, in articoli , linkato 69 volte)
La nazione fu posta in mano di ciurmatori che, coprendosi delle ombre dell'amore patrio, baravano il popolo e cambiavano in tristi le sorti ….. E a prova basti rammentare che il Bastogi, quel medesimo che fu ministro, appaltava l'impresa delle strade calabro - sicule, ma lo stato gli assicurava il frutto del 34%; che egli comperava l'appalto a gran denari da parecchi deputati; e che dei venticinque membri componenti il Consiglio di Amministrazione di quella intrapresa, sei soli (dei quali cinque banchieri) erano cittadini privati, quattordici deputati e cinque pubblici ufficiali, anzi intimissimi dei ministri, come se fosse onesto consertare nella medesima persona gli interessi dei conceditori e dei concessionari.
 
Di Admin (del 22/02/2020 @ 16:21:11, in articoli , linkato 69 volte)
Non è da buono né da onesto ministro tollerare contrabbandieri gli stessi gabellieri, amministrare la cosa pubblica colla misura delle proprie ambizioni e condurre lo stato (che pur metteva ad annua rendita 655 milioni) nella necessità di ricorrere ad un nuovo prestito di 425 milioni per allentare le strettezze che l'opprimevano, e di vendere, per far denari in ogni maniera, le strade ferrate, che erano capitali dello stato, al banchiere Rotschild, nominato non solo di ricchezza, ma di una certa abilità tutta propria a correre dove più sono scompigliate le finanze, urgenti i bisogni, perduto il credito. Con amministrazioni sì ladre e disordinate a ragione di giusta economia, coi mesi ed anni passati in dono ai contributori morosi al pagamento, colle tanto detestabili prodigabilità che abbiamo accennato, non faccia meraviglia che rinascesse tratto tratto la necessità di nuove prestanze, che il disavanzo crescesse, che la fortuna pubblica fosse incerta e l'esistenza stessa della nazione posta in forse, senza che mai si vedesse segno, donde fondamentalmente prevede il tempo, che al popolo sarebbe concesso di respirare.
 
Di Admin (del 09/02/2020 @ 20:16:20, in articoli , linkato 75 volte)
Nella prima metà dell'Ottocento a San Giuseppe Vesuviano si svolgevano annualmente due fiere, una nell'ultima domenica di gennaio e la seconda il 19 marzo, coincidente con la festività del Santo Patrono, nello spazio antistante la chiesa parrocchiale. Qui i commercianti collocano le baracche dopo aver pagato i seguenti canoni: gli orefici e gli zagarellari pagano 40 grana, i torronari, i calzettari, i semensari, i cappellari grana 20, i calzolari, gli stagnari, i caldarani e i cassari 20 grana, i venditori di paste, formaggi, salumi, salami ed arbaiuoli10 grana, i venditori di piante grana 10, i faensari forestieri grana 20, quelli paesani grana 10, quanti poggiano la loro merce a terra un grano.
 
Di Admin (del 10/01/2020 @ 23:54:57, in articoli , linkato 54 volte)
Pulicenella cetrulo de lo popolo napolitano, primmo prencepe de tutte li buffune passate, preterite e ffetuse, ecceuza, ecceuza, ecceuza. Facimme acconoscere a tutte li napolitane la justizia fatta da la Gran Corte criminale de Napole, la quale ha ordenato de metterse a libbertà li 70 lavorature de la strada ferrata, che fujeno arrestate pe crapiccio de Monzù Spaventa e trasportate a Ponza, senza rispettà l'articolo de la Costituzione che proibisce ll'arreste a ccapocchia. Facimmo porzì a ccanoscere ca lo Questore (chillo che na vota se chiammava Prefetto de Polizia) appena saputa la decisione de la Corte criminale, ha subbeto subbeto ordinato de fa ritornà tante patre de famiglia ntra le braccia de le mogliere e de li figlie loro. Ebbiva, addonca, la Corte Criminale e lo Questore, e se scapacitasse lo popolo, ca ogge la justizia se fà, e non so chiù li tiempe passate ca chi teneva danaro faceva chello che bboleva, e chille che non tenevano niente avevano sempe tuorto!
 
Di Admin (del 08/01/2020 @ 19:49:06, in articoli , linkato 78 volte)
Con il decreto reale del 29 marzo 1914 è sciolto il consiglio comunale di San Giorgio La Molara in provincia di Benevento e nominato commissario straordinario per l'amministrazione provvisoria il dottor Nicola Galasso. Il provvedimento scatta in seguito all'inchiesta che registra, tra l'altro, un disordine nella contabilità e nella finanza comunale.
 
Di Admin (del 19/07/2019 @ 19:08:27, in articoli , linkato 72 volte)
Nel 1935 l'istituto Margherita di Savoia si trova in via Pontecorvo, n. 64. Gli alunni sono 253 maschi e 781 femmine. Il preside è il dottor Flores Eduardo. I docenti sono Tricarico Luigi Giuseppe (italiano, latino, storia e geografia), Valle Rolando Curci Angelica (italiano, latino, storia e geografia), Visco Mele Ester (italiano, latino, storia e geografia), Longobardi Espedito (italiano, latino, storia e geografia), Brongo di Rocca Giuseppina (italiano, latino, storia e geografia), Spatola Salvatore (italiano, latino, storia e geografia), Clemente Luisa (italiano, latino, storia e geografia) .............. Magnoni Teresita (lingua francese), Corigliano Sabetti Maria (lingua francese) ........
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20